CLAUDIO BOSSI E ADA PICCALUGA PRESENTANO “LA NUMEROLOGIA DEL TITANIC”

 

Titanic. Il suo nome da simbolo del progresso è diventato sinonimo di catastrofe.

Una nave e una tragedia mai raccontata prima d’ora con un approccio pseudo-scientifico che ha portato a molte sorprese: la numerologia.

Con la numerologia si rivelano la natura e il destino degli individui, esprimendo il desiderio immemore di conoscere le verità nascoste.

I nomi e le date non identificano solo anagraficamente, ma indicano anche elementi caratteriali e in un certo modo sono anche evocativi. Tutto è riconducibile a un numero, e ogni numero ha un significato differente.

Oltre 46000 tonnellate di peso, 269 metri di lunghezza e 28 di larghezza, il Titanic era considerato un vero e proprio gioiello tecnologico.

Una nave tra le più sicure, era la nave inaffondabile.

I tre numeri che indicano le dimensioni e il peso del Titanic, ridotti ad una sola cifra, sono numeri della forza che stanno a indicare la maestosità della nave e quanto fosse ambizioso il progetto.

Claudio Bossi ha scritto una narrazione cronologica che racconta tutta la storia del Titanic e di coloro che sono collegati con esso, e che Ada Piccaluga ha analizzato con una serie di profili numerologici dettagliati.

Attraverso i numeri, e anche testimonianze inedite, che raramente abbiamo visto incorporate in altre pubblicazioni, ne “La numerologia del Titanic” Ada Piccaluga e Claudio Bossi scrivono della vicenda di una nave che ha ancora tanti misteri da rivelare.

State comodi il viaggio sta per incominciare.

LA NUMEROLOGIA DEL TITANIC

 

 

STEFANIA FIORIN TERZA AL PREMIO WMI QUARANTAQUATTRESIMA EDIZIONE

Stefania Fiorin si è classificata terza al “PREMIO WMI
QUARANTAQUATTRESIMA EDIZIONE”

Si è chiusa la selezione delle opere partecipanti alla quarantaquattresima edizione del Premio WMI, indetto dalla Writers Magazine Italia, dedicato a opere di narrativa a tema libero, a cui hanno partecipato 29 racconti.

Al termine delle consultazioni, la giuria del premio ha stabilito la seguente classifica finale:

1° classificato
PUNTI DI VISTA
di Alessandro Miceli

Per il modo in cui l’autore è riuscito a fare di un esercizio di tecnica, una rappresentare delle difficoltà che ognuno di noi può avere nell’interpretare se stesso agli occhi delle persone che gli stanno intorno e a essere artefice del proprio destino.

2° Classificato
AMORE CARO
di Salvatore Tigani

3° Classificato
INCONTRI INQUIETANTI
di Stefania Fiorin

Questi racconti saranno pubblicati sul numero 55 della Writers Magazine Italia (salvo diverse necessità editoriali).